lunedì 22 ottobre 2012

Il 4 novembre nascerà IVASS, la nuova authority che sostituirà l'ISVAP

[caption id="" align="alignleft" width="258"]Fabrizio Saccomani Fabrizio Saccomanni, Direttore Generale della Banca d'Italia.[/caption]

Si chiamerà IVASS (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e d'interesse collettivo) la nuova authority che a breve sostituirà l'ISVAP. Entro il 4 novembre, infatti, dovranno essere approvati lo Statuto e le procedure di nomina dei due nuovi consiglieri che formeranno l'organo di gestione insieme al presidente che, per legge, sarà il direttore generale della Banca d'Italia.
Dopo il tentativo da parte del Governo di accorpare l'ISVAP alla COVIP (di cui avevamo accennato in questo articolo), la decisione di creare una autorità garante tutta nuova nasce dalla volontà di intensificare la vigilanza sulle compagnie di assicurazione affidandola ad un organo maggiormente autorevole, ovvero la Banca d'Italia.
Sicuramente i metodi operativi saranno completamente diversi. L’IVASS, infatti, non sarà il nuovo nome di un organo già esistente, ma una vera e propria nuova struttura che incorporerà il personale dell’ISVAP.
La vigilanza riguarderà non soltanto gli assetti organizzativi, ma anche la governance delle imprese assicurative, un elemento sicuramente trascurato nella vecchia gestione (si veda lo scandalo Fonsai-Unipol).
La nuova authority avrà, inoltre, il difficile compito di garantire la cura della prevenzione amministrativa delle frodi nel settore Rc auto relative alle richieste di risarcimento e di indennizzo, attraverso la costituzione di un archivio informatico che faciliterà l’individuazione di anomalie e possibili frodi, che potranno così essere poi segnalate alle Autorità giudiziarie.
Del resto le stime parlano chiaro: nel 2011 l’incidenza dei sinistri RCA riconducibili a fenomeni fraudolenti a livello nazionale è stata del 2% (sul totale degli incidenti, pari a circa 282 milioni di euro.

Nessun commento:

Posta un commento